Napoli (TMNews) - L'Italia torna a giovare allo stadio San Paolo di Napoli dopo 7 anni. Martedì 15 ottobre l'11 di Prandelli giocherà contro l'Armenia, partita valevole per la qualificazione ai mondiali di Brasile 2014. Per gli azzurri, però, sarà anche l'occasione per iniziative a sfondo sociale; si alleneranno, infatti, in un campo sottratto alla camorra e ora affidato alla Nuova Quarto calcio. Il dirigente, Luigi Cuomo."Il 14 mattina - spiega - la Nazionale di calcio verrà, come promesso da Prandelli ad allenarsi sul campo 'Giarrusso' di Quarto, per sostenere e condividere la battaglia che si sta giocando dentro il campo e fuori il campo in questa città per anni martoriata dalla camorra".La Procura antimafia di Napoli che ha affidato il campo alla società per favorire il recupero dei giovani di una Napoli che, come ha sottolineato il sindaco, Luigi de Magistris, si candida a diventare sempre più una della capitali mondiali dello sport."Pensiamo - dice - che attraverso lo spor si possono veicolare valori di legalità, di etica, di solidarietà; messaggi forti in un momento così difficile. Ho chiesto ai giocatori di passare dalla macchina di Giancarlo Siani, la Mehari al Pan, la giornata di Quarto sarà dedicata anche alla battaglia contro la terra dei fuochi. Insomma la Nazionale viene qua a fare anche delle battaglie per la legalità. Un messaggio fortissimo perché Napoli è una città impegnata in prima linea contro la camorra e contro l'illegalità".Lo spirito della presenza della Nazionale a Napoli sarà quello di un giorno di festa, ha sottolineato il presidente della Federcalcio, Giancarlo Abete, auspicando che tutti gli introiti possano essere destinati alla ricostruzione della Città della Scienza e ad altre iniziative in sostegno della legalità.