Sochi (Russia) - Giovanni Malagò, contento ma non appagato da queste Olimpiadi di Sochi. La squadra italiana non ha raggiunto il gradino più alto del podio nei Giochi invernali. Anche se ha portato più medaglie di quattro anni fa. Il presidente del Coni pensa che è giunto il momento di rimboccarsi le maniche e migliorare guardando alla prossima edizione in Corea, perché non possiamo andare avanti con questa ingiusta distribuzione delle medaglie: "Siamo contenti ma non appagati. Si poteva fare di più, ci sono dei numeri che parlano chiaramente: ci manca l'oro. La squadra più giovane di sempre. La squadra medagliata più giovane di sempre. Gli otto quarti posti sono un record che fa riflettere. Ma soprattutto tanti e tante atlete che sono andata in finale: 58 su 110. Oltre il 50%, questo mai successo prima: il presupposto di partenza da qui a 4 anni in Corea del sud, tenendo presente anche quelle criticità, presenti in alcuni sport. Si sapevano, ma con altrettanta onestà bisogna riconoscerle".