Baghdad (TMNews) - L'Iraq dopo il lungo conflitto tenta di tornare alla normalità, e lo fa anche appassionandosi alle Olimpiadi di Londra. La vita degli amanti dello sport iracheni, però, è resa difficile anche dalle difficoltà logistiche e tecniche, e così i frequenti blackout spesso interrompono le trasmissioni sul più bello. Anche nei cosiddetti "bar olimpici"."Siamo venuti qui - spiega un camionista - perché le Olimpiadi sono un grande evento internazionale. Ma purtroppo non riusciamo a godercele perché ogni dieci minuti salta la corrente e dobbiamo andare a riavviare il generatore".Nei locali pubblici, però, la situazione è decisamente migliore che nelle abitazioni private, come ci tiene a spiegare il proprietario dell'Istanbul Nights."Qui è piacevole stare con gli amici - racconta pure con un certo spirito di autopromozione - non è come a casa dove i blackout possono durare anche 24 ore. Qui abbiamo l'elettricità continuamente".E allora la soluzione migliore può essere quella scelta da un commesso in un negozio di articoli sportivi che preferisce seguire le Olimpiadi dal lavoro, e in mezzo a tutte quelle attrezzature forse chissà che non ci si senta anche un po' più vicini ai campioni di Londra, perfino a Baghdad.