Teheran, (TMNews) - Le sanzioni occidentali contro l'Iran non sembrano essere molto efficaci a Teheran. Almeno per quanto riguarda IPhone, iPad e iPod. La febbre tecnologica degli iraniani è riuscita infatti ad aggirare gli embarghi. In realtà, l'attenzione statunitense si concentra soprattutto sul settore finanziario e petrolifero nello sforzo di tarpare le ali alle ambizioni nucleari del Paese. E così è più facile trovare sbocchi di contrabbando per prodotti di consumo corrente e di forte richiesta. Come ammette Hamid Sadki, proprietario di un Apple Store."Non ho nessuna difficoltà a importare prodotti elettronici dagli Stati Uniti. Non sentiamo gli effetti delle sanzioni. Quello che è più difficile è ottenere supporto tecnico e aggiornamenti. Ma con un po' di pazienza, alla fine ci riusciamo".Ma allora, le sanzioni funzionano oppure no? Il fatto che ogni momento se ne debbano imporre di nuove, non depone a favore della loro efficacia. E questo non è il solo problema. Jamal Abdi, responsabile della direzione politica del Consiglio nazionale Iran-Stati Uniti è molto critico."Gli Stati Uniti parlano sempre di libertà e dell'importanza per gli iraniani di accedere a internet e di parlare liberamente al telefono. Mentre le sanzioni hanno reso praticamente illegali le comunicazioni telefoniche in Iran".