New Delhi (TMNews) - Voleva portare migliaia di persone a "marciare" sul Parlamento indiano, ma la polizia lo ha arrestato prima. E' così la grande protesta lanciata dal guru Baba Ramdev, che guida un movimento contro la corruzione, è finita con le manette scattate ai polsi del santone che, in perfetto stile indiano, si è offerto volontariamente alle forze dell'ordine.La polizia aveva eretto barricate lungo il tragitto della marcia e ha fatto sapere che tutti gli arrestati verranno condotti in uno stadio alle porte di Nuova Delhi, dove verranno trattenuti per poche ore prima di essere rilasciati, probabilmente senza essere incriminati.Ramdev e l'attivista Anna Hazare hanno lanciato un'iniziativa congiunta per sensibilizzare gli indiani sulla questione della corruzione, a seguito dei gravi scandali che hanno investito il governo del premier Manmohan Singh. Giovedì scorso, il guru ha lanciato un appello al governo perchè si adoperi di più per rimpatriare i soldi ottenuti illecitamente, nascosti in conti all'estero.(immagini AFP)