Milano (TMNews) - La triade degli anticicloni africani Scipione, Caronte e Minosse, più spietata dell'attacco della nazionale spagnola nella finale degli ultimi Europei, ha infuocato l'Italia battendo tutti i record del torrido 2003. Resta una sola certezza. Le ondate di calore diverranno più frequenti nei decenni a venire a causa dei cambiamenti climatici, con previsioni catastrofiche ai limiti dell'apocalisse come quella degli oltre 150.000 americani che potrebbero morire entro al fine del secolo a causa del riscaldamento del pianeta.Mentre vanno in onda questi scenari inquietanti, oltre le Alpi i francesi stanno andando in vacanza con un occhio alle volubilità capricciose del meteo che sembra fare di tutto per scompaginare i piani dei vacanzieri. La Francia infatti è spezzata in due distinte zone climatiche, sole e cieli senza nuvole al sud, freddo e temporali anche violenti al nord.Chi ha scelto Saint-Malo, sulla Manica, cerca di fare buon viso a cattiva sorte."Non siamo molto a sud da queste parti e quindi tutto sommato va bene. Certo non fa troppo caldo, ma almeno non piove. Cerchiamo di arrangiarci".Più a contatto con la realtà sembrano essere i residenti locali di Saint-Malo."Un tempo orribile per quelli che vivono qua. Ma mi dispiace veramente per chi è venuto qui per le ferie. Questo non è davvero il tempo ideale per una vacanza".A Saint-Cyr-Sur-Mer, sul Mediterraneo, gli scenari, le abitudini, le occasioni, svaghi e meritati ozi, raccontano decisamente un'altra storia.(Immagini AFP)