Roma, (TMNews) - Lo splendido paesaggio dell'Alaska rischia di essere gravemente danneggiato. Sono infatti in arrivo tonnellate di detriti trascinate in mare dallo tsunami che ha colpito il Giappone lo scorso anno e che ha devastato il paese. E gran parte del materiale che giunge trasportato dalle correnti è altamente tossico e in alcuni casi radioattivo.Si parla di un milione e mezzo di tonnellate di scorie. Gli abitanti ora hanno paura: c'è rischio di contaminazione. "C'è grande preoccupazione: questi detriti rimarranno a galla o rischiano di contaminare e danneggiare le barche o le case? Temo per i nostri affari", dice questo ragazzo.La preoccupazione riguarda anche il rischio che il materiale tossico possa contaminare i pesci e mettere così in crisi l'attività di pesca del paese. Il governo e gli scienziati tuttavia assicurano: non c'è alcun rischio radiattivo nei detriti dello tsunami. "Ho effettuato il test su molti prodotti con il contatore Geiger. Sembrano tutti puliti, non ci sono radiazioni", dice questo pescatore. Ma nonostante le rassicurazioni, la preoccupazione tra gli abitanti e soprattutto tra i commercianti di pesce resta comunque alta.