Roma, (TMNews) - "Noi pensiamo che per salvare l'Ilva di Taranto bisogna innanzitutto rimuovere la cause che determinano l'attualità e la persistenza della lesione al diritto alla salute": lo ha sottolineato il governatore della Regione Puglia, Nichi Vendola, al termine del vertice del governo a Palazzo Chigi con le parti sociali, e l'azienda sullo stabilimento Ilva di Taranto."Il governo - ha sottolineato Vendola - ha chiesto alle parti sociali e ai rappresentanti degli enti locali e dell'azienda di esprimere il proprio punto di vista. Non ha presentato la bozza del decreto. Per me è stata l'occasione per ribadire che il decreto non può in nessun caso espropriare la magistratura tarantina di suoi poteri e delle sue prerogative. La magistratura ha posto il tema del primato del bene alla salute e qualunque intervento governativo e parlamentare non può che partire da questo primato, del bene alla salute che è stato lesionato dall'inquinamento industriale".