Genova, (TMNews) - "Io non penso che il Paese possa perdere l'acciaio perché si tratta di 20 mila lavoratori diretti e di un indotto molto importante. Questa partita è in mano alla magistratura, all'azienda e al governo che eventualmente può anche adottare un provvedimento d'urgenza se non si trova una via d'uscita concordando il percorso con la magistratura e l'azienda". Parla così il presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, alla manifestazione dei lavoratori dello stabilimento Ilva di Genova indetta da Fim e Uilm per protestare contro l'ultimatum della magistratura per lo spegnimento degli impianti sotto sequestro a Taranto.