La riforma della giustizia è una delle priorità nazionali, che ora torna prepotentemente alla ribalta. Questo, però, non deve stimolare l'ottimismo. Il rischio, infatti, è che la montagna partorisca un topolino.