Austin, (TMNews) - Fra i 15mila partecipanti alla maratona di Austin ce n'era uno speciale. Lui è E.J Scott è sta diventando cieco. Soffre di coroideremia, malattia genetica che prima elimina la visione periferica e poi quella centrale, rendendo il malato non vedente. L'obiettivo di E.J è partecipare a 12 gare in un anno, raccogliendo 12mila dollari a corsa da donare in beneficenza alla ricerca per questa malattia incurabile che colpisce molti suoi familiari.E.J non è ancora del tutto cieco ma corre bendato e accompagnato da una guida perché la luce del sole potrebbe peggiorare la sua malattia. Austin è la seconda tappa per EJ, soddisfatto di averla finita in circa 6 ore."Mi sento molto bene per aver finito la gara" dice mentre corre ad abbracciare i suoi genitori, orgogliosi del suo modo di affrontare la malattia, di corsa e senza inciampi. Prossima tappa a Los Angeles il 18 marzo.