Gand, (TMNews) - Didier Peleman ha 41 anni, è disabile mentale ed alle prossime elezioni si giocherà un posto in Consiglio Comunale. La sua storia sta dividendo Gand, nelle Fiandre orientali, in Belgio, e ha acceso il dibattito fra chi pensa che tutti dovrebbero avere le stesse opportunità e gli scettici.Didier Peleman ammette di avere difficoltà ad esprimersi e a scrivere, ma è convinto di poter fare bene il suo lavoro."Io mi impegno in attività sociali da 11 anni - dice - Lo slogan del mio partito è 'ognuno è incluso', e io voglio avere la possibilità di diventare assessore per esprimere me stesso e aiutare le persone affette da disabilità".In molti però puntano il dito contro il partito cristiano democratico che lo ha candidato."Lo so che è difficile quando si critica un ragazzo simpatico e buono - argomenta un cittadino di Gand - ma io non voglio criticare lui, voglio criticare il suo partito perché lo usa come una sorta di strumento politico per avere l'attenzione dei media"Veli Yuksel, a capo del partito incriminato, rigetta le accuse."Questo è un segnale per la popolazione di Gand: anche le persone con disabilità possono correre per le elezioni".Peleman è consapevole delle critiche, ma per ora è concentrato su altro."Spendo un sacco di energia per la campagna elettorale. Il resto spetta agli elettori".