Londra, (TMNews) - I lavori per le Olimpiadi di Londra procedono a gonfie vele, senza sforare il faraonico budget di 11,5 miliardi di euro che, vale la pena di notare, è comunque ben quattro volte superiore alle stime previste nel 2005, nei giorni della gara di aggiudicazione. E non è tutto: a poche settimane dall'inizio dei Giochi restano nelle casse altri fondi non ancora utilizzati come dichiara con orgoglio il ministro dello Sport di Sua maestà britannica Hugh Robertson: "Quando abbiamo iniziato a lavorare per le Olimpiadi nel 2007 abbiamo organizzato un finanziamento pubblico attraverso prelievo fiscale, lotterie e comune di Londra per recuperare gli 11,5 miliardi di euro necessari. All'ultimo controllo, l'ultimo prima dell'inizio dei Giochi, ho potuto annunciare che abbiamo ancora in cassa 625mila euro. Il progetto è dunque on time e on budget".Il progetto del Parco olimpico, che ha impiegato oltre 46mila lavoratori, ha permesso la riqualificazione di un ex sito industriale gravemente inquinato, oggi trasformato in un'area di 2,5 chilometri quadrati con sei nuovi grandi impianti sportivi. Sempre in quest'ottica di recupero urbano, quasi il 75% degli investimenti per i giochi è stato impiegato per la riqualificazione dell'East London, una delle zone più povere della capitale britannica mentre oltre 2.000 appartamenti nel Villaggio olimpico, che ospiteranno 23mila atleti e funzionari durante i Giochi, saranno tutti riconvertiti in nuove case dopo le Olimpiadi. Questo almeno secondo gli intenti e le dichiarazioni degli organizzatori che incrociano le dita: l'auspicio è che i Giochi di Londra 2012 non si rivelino la macina al collo che ha trascinato nel baratro le finanze della Grecia dopo Atene 2004.