L'Avana, (TMNews) - L'omaggio delle "Damas de Blanco" alla salma di Oswaldo Paya si è aggiunto a quello di altre centinaia di cubani che hanno voluto salutare per l'ultima volta il dissidente, morto in un incidente stradale dopo che la sua auto è finita contro un albero secondo il governo. Una versione che non convince i parenti e gli oppositori di Castro. Berta Soler, dirigente delle "Damas de Blanco", movimento che lotta per la liberazione dei prigionieri politici, parla apertamente di omicidio nei confronti di una figura fondamentale per l'opposizione cubana.Per noi è troppo doloroso aver perso il nostro fratello Oswaldo Paya - dice - Il governo cubano ha molto a che fare con il suo assassinio e con quello di Laura Pollan, e se mi sbaglio che dimostrino il contrario"."Questo incidente non è stato il primo ma il terzo quest'anno - racconta un altro dissidente Ignacio Cepero Estrada - Diceva sempre di aver ricevuto minacce di morte, è una cosa di cui bisogna tenere conto".(Immagini Afp)