Hong Kong, (TMNews) - Alzi la mano chi sa cosa vuol dire "Hong Kong". Letteralmente il nome di questa regione significa "porto profumato". Ma il rischio è che di questo nome presto possa restare solo Kong. In molti temono, infatti, che la città perda la sua caratteristica profumazione, che i bicentenari alberi di incenso le regalano. Nonostante sia illegale la commercializzazione di questo legno, infatti, in molti violano le leggi e continuano a tagliarli."Nessuno in questo villaggio sa che questo è un albero di incenso. Solo io lo so, adoro questi alberi perchè sono cresciuto con loro".Il desiderio di Chan, è che questo tipo di piantagione sia preservata, anche per le future generazioni."Questa azienda ha circa 10mila alberi. Mio nonno è stato il primo nella mia famiglia che ha piantato questi alberi di incenso. Quando ero piccolo, andavo con lui a piantarli. E ora vedo molti alberi di incenso a Hong Kong che vengono tagliati, ma io voglio proteggerli".Eppure c'è chi non la pensa come Chan. Wing Lee utilizza questi alberi per produrre bastoncini di incenso per i momenti di preghiera. L'incenso più costoso arriva anche al prezzo di 2.500 dollari al chilo.Il desiderio di molti come Chan è che gli affari non abbiano la meglio sulla natura e che Hong Kong possa restare ancora a lungo un "porto profumato".