Lima (Tmnews) - "Sono io responsabile di quanto accaduto a Bengasi; sono io a capo del dipartimento di Stato, 60mila e più persone al lavoro in tutto il mondo. Il presidente e il vicepresidente di sicuro non potrebbero essere a conoscenza di ogni specifica decisione presa dal personale incaricato della sicurezza".Con questa dichiarazione - fatta nel corso di una intervista alla Cnn poco dopo il suo arrivo in Peru - Hillary Clinton si assume tutta la responsabilità dell'attacco dello scorso 11 settembre al consolato statunitense a Bengasi, in Libia, nel corso del quale morirono l'ambasciatore Usa, Chris Stevens, e altri tre cittadini americani.Le polemiche e le critiche seguite a quell'episodio stanno animando anche la sfida per le presidenziali Usa.