Genova, (Tmnews) - Droga nascosta nelle ruote e nelle lamiere delle auto. La Finanza ha sequestrato 66 chilogrammi di hashish nel porto di Genova nell'ambito di due distinte operazioni antidroga che hanno portato all'arresto in flagranza di reato di due corrieri marocchini di 31 e 33 anni. Lo stupefacente era stato nascosto nei doppiofondi delle auto dei due nordafricani che erano appena sbarcati da traghetti di linea provenienti da Tangeri.Nel primo caso, l'attenzione dei finanzieri è stata attirata dall'eccessiva rigidità degli pneumatici dell'autovettura controllata, segno di una possibile presenza di corpi estranei all'interno delle gomme. Il sospetto si è rivelato fondato perché nelle quattro ruote, che sono state accuratamente smontate, le fiamme gialle hanno rinvenuto 41 chilogrammi di hashish divisi in panetti.Nel secondo caso, ad indurre i finanzieri ad approfondire l'ispezione, oltre alla segnalazione dei cani antidroga, sono stati alcuni graffi presenti sulla carrozzeria dell'autoveicolo fermato, indice di una possibile manomissione delle lamiere.Anche in questo caso gli indizi hanno trovato conferma: nei longheroni del mezzo erano stati infatti ricavati degli stretti doppifondi dove erano stati stipati centinaia di ovuli di hashish, di piccole dimensioni, per un peso complessivo di 25 chilogrammi.