Malè (TMNews) - Colpo di Stato nel paradiso dei turisti: un ammutinamento dei poliziotti ha infatti cambiato il quadro politico nell'arcipelago delle Maldive, con il presidente Mohamed Nasheed che ha annunciato le proprie dimissioni in un discorso alla nazione. La sollevazione dei poliziotti, che hanno occupato la tv di Stato, è giunta dopo tre settimane di proteste di piazza contro l'ex prigioniero politico e attivista per i diritti umani eletto alla presidenza nelle prime elezioni libere dopo il trentennale governo di Maumoon Abdul Gayoom. I manifestanti sono scesi in piazza dopo l'arresto del giudice posto a capo della Corte Penale e dopo l'aggravarsi della crisi Nasheed ha annunciato il suo addio: "Non voglio governare il Paese con il pugno di ferro" ha detto.Il vicepresidente Mohamed Waheed ha prestato giuramento come nuovo Capo di Stato delle Maldive mentre l'esercito ha fatto sapere che non è avvenuto alcun golpe, ma che i militari hanno "consigliato" a Nasheed di dimettersi. La situazione nei villaggi turistici maldiviani, molto frequentati anche da viaggiatori italiani, secondo la Farnesina rimane tranquilla.