Giappone, (TMNews) - Anziani pazzi per i videogame. In Giappone i videogiochi "arcade", sono un trend per chi ha i capelli bianchi ed è in cerca di svago nelle sale giochi, classico luogo di ritrovo: Teruo Kataoka ha 70 anni e una gran voglia di giocare. "Siamo in molti perchè è divertente": così spiega le numerose teste grigie impegnate nella sala, e la moglie approva. "Ci annoiamo, non abbiamo niente da fare: non ho nulla da dire a mio marito, meglio stare qui che in casa a guardare la tv tutto il giorno, almeno ci svaghiamo". La sala giochi diventa dunque luogo di incontro, al posto del classico bar. Un trend che i giganti del settore non hanno tardato a cavalcare, con iniziative dedicate come flipper e tessere di raccolta punti. "In Giappone si usa il telefonino per raccogliere i punti, qua utilizziamo le schede perchè sono più adatte alle persone anziane" spiega una portavoce della Sega. I giovani non si stupiscono. "Non è strano, se gli anziani si dedicano ai loro giochi. Lo sarebbe se giocassero agli sparatutto" scherzano due studenti. In Giappone l'invecchiamento della popolazione cresce a ritmi sostenuti, il tasso di natalità è ai minimi storici: per ogni bambino ci sono due anziani, e nei prossimi 50 anni diventeranno quattro. E l'industria dei videogame si adegua.