Roma, (TMNews) - Il raccolto doveva già essere in fase avanzata, qui nel nord della Francia, ma questo grano è ancora per metà verde. Colpa del tempo. Come colpa del tempo - poco sole e tanta umidità - è la diffusione del Fusarium, un fungo che ha infettato il grano impedendone la crescita. "Il grano normale dovrebbe avere questa dimensione - afferma questo agricoltore - Si può immaginare la differenza: questi di solito non vengono neppure raccolti. Le nostre macchine li filtrano e li eliminano". Risultato: un calo di prodotto del 30 per cento. E con la pioggia seguita da forti venti, è ancora peggio per le piante di avena in quest'altro campo. "Questa è satura di acqua, sarà dura se non esce il sole". Agli agricoltori non basta il sole degli ultimi giorni: bisogna che faccia molto caldo per qualche tempo, così che la pianta diventi abbastanza secca per le mietitrici. Denis è titolare di un campo di orzo:"Normalmente se è di ottima qualità può essere utilizzato per fare la birra, se è di bassa qualità, che è quello che temo data la quantità di acqua che abbiamo avuto, poi per l'alimentazione animale." Per ora, nessuno si eccita per la timida comparsa del sole: come si dice da queste parti: non dire raccolto finché non è nel granaio.(Immagini Afp)