Roma (TMNews) - Scoperto a Fiumicino un giro di fatture false per oltre 200 milioni di euro. Alla base della frode una miriade di società "cartiere" che commercializzavano ingenti partite di prodotti elettronici e telefoni cellulari con una consistente evasione all'Iva. Il giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Roma ha emanato provvedimenti restrittivi della libertà personale nei confronti di sei persone e disposto il sequestro preventivo di beni mobili ed immobili - conti correnti, titoli e preziosi - per un valore di 9 milioni di euro, che servirà a cautelare lo Stato per il credito relativo alle imposte evase, alle pene pecuniarie e agli interessi. Ai vertici del gruppo, i fratelli Dezi Federico e Alessandro, proprietari della società Daf Srl, leader a livello nazionale nella vendita al dettaglio di elettronica di consumo e titolare del noto marchio "DIUNAMAI".