Enna, (TMNews) - Imprenditori collusi con la mafia per aggiudicarsi appalti e lavori in provincia di Enna: è la scoperta fatta dalla polizia, che ha arrestato sei persone per associazione a delinquere di tipo mafioso, violenza e minaccia. Tra gli arrestati due imprenditori del Catanese e del Palermitato che, approfittando dei rapporti con esponenti di Cosa Nostra, si sono aggiudicati lavori di movimento terra, carpenteria e fornitura di calcestruzzi, per il rifacimento delle opere di urbanizzazione della zona artigianale di Aidone, in provincia di Enna. Lavori garantiti da atti indimidatori nei confronti di ditte concorrenti, così dissuase dai mafiosi a concorrere ai lavori. Degli altri quattro arrestati, due erano già stati condannati in primo grado come esponenti della mafia ennese.