Il commento di Gabriele Fava, giuslavorista