Rangoon (TMNews) - La leader dell'opposizione birmana, Aung san Suu Kyi ha fatto il suo debutto in parlamento partecipando per la prima volta a una seduta della Camera bassa dopo le elezioni suppletive del primo aprile scorso. Suu Kyi, 67 anni, ha posticipato di una settimana il suo debutto parlamentare a causa della stanchezza per il recente viaggio in Europa nel corso del quale ha potuto finalmente ritirare a Oslo il premio Nobel per la Pace che le era stato assegnato nel 1991. "Sono qui per il mio primo giorno da parlamentare - si è limitata a dire entrando nell'emiciclo, inseguita da colleghi e fotografi - farò del mio meglio per il bene del mio Paese". Dopo circa 20 anni di semi-illegalità sotto il dominio della giunta militare, gran parte dei quali passati agli arresti da Suu Kyi, la Lega nazionale per la democrazia, il partito del Nobel birmano, è diventato il primo movimento dell'opposizione con 42 seggi in Parlamento, pari a circa il 10% del totale. Oggi la Camera birmana continua a essere dominata da militari e alleati, ma il regime "civile", succeduto nel marzo 2011 alla giunta militare, ha continuato nelle ultime settimane a consolidare il potere, con l'annuncio dell'allontanamento di diversi conservatori dai posti-chiave del governo.