Genova (TMNews) - La ricerca "è una parola magica, non deve essere di moda ma deve essere prospettica" perché "nel mondo, in tutto il comparto industriale e lavorativo, a tutti i livelli, se non c'è una forte spinta all'innovazione e quindi alla ricerca non c'è futuro". Lo ha affermato questo pomeriggio a Genova il presidente della Cei e arcivescovo del capoluogo ligure, cardinale Angelo Bagnasco, durante il suo intervento alla Giornata Gasliniana della ricerca. Secondo il presidente della Cei, l'assenza di questa prospettiva "sarebbe presto pagata in termini di asfissia del mondo del lavoro".