Palermo (TMNews) - Uno slogan semplice per lanciare la rinascita della città. Massimo Costa ha scelto "Viva Palermo, Palermo viva" per presentare il suo programma per il capoluogo siciliano. Il candidato sindaco di Pdl, Udc e Grande Sud ha messo a punto un piano d'azione diviso in quattro "macro aree". "E' uno slogan che vuole essere un augurio, un imperativo, un esortativo, ma è anche un aggettivo - ha detto Costa -. Rappresenta 4 lettere, 'v' come 'volenterosa', 'i' come 'ingegnosa', 'v' come 'vivibile' e 'a' come 'attraente'. Le prime due rappresentano quanto dobbiamo fare, ovvero mettere volontà e ingegno, per la realizzazione di idee specifiche, sulle quali ci sono tante soluzioni aperte al dibattito".Gli altri punti del programma saranno svelati nelle prossime settimane. "Il problema non è vincere il 7 maggio, ma governare l'8 maggio. quindi niente demagogia" ha detto l'ex presidente del ConiLa "rivoluzione culturale" è un obiettivo da "raggiungere tutti insieme", senza illudere la gente con "false promesse, ma proponendo soluzioni concrete"."Per questo - ha concluso Costa - proporrò a chi vorrà stare in giunta, di sottoscrivere un patto, e di rinunciare ad una parte sostanziale della propria indennità che finirà in un fondo per risolvere le tante emergenze della città".