Rieti, (TMNews) - Avevano ricevuto compensi per un ammontare complessivo di oltre 460.000 euro, senza aver mai eseguito il servizio per cui erano stati pagati. Per questo uno degli amministratori delle società incaricate dallo stesso Comune di svolgere il servizio di controllo di gestione è stato arrestato dalla Guardia di finanza con l'accusa di concorso in peculato. In manette anche Antonio Preite, direttore del settore finanziario del Comune di Rieti, che avrebbe organizzato la truffa. Dalle indagini è emerso che sin dal 2001 l'amministrazione locale aveva esternalizzato il servizio di controllo di gestione a società private, pur avendo personale dipendente destinato a svolgere lo specifico incarico. Per un altro amministratore è strato emesso un provvedimento di divieto di dimora a Rieti. Ancora in corso indagini e perquisizioni.