Grosseto (TMNews) -"Mettete le lance, tanto è calma piatta", sembra questa la frase completa pronunciata dal comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino subito dopo il naufragio all'isola del Giglio la sera del 13 gennaio.Schettino non avrebbe detto, come sintetizzato nella perizia del Gip, esaminata durante l'incidente probatorio a Grosseto: "Stiamo imbarcando acqua... tanto è calma piatta". Come sembra di sentire da questo audio della scatola nera, invece, il comandante avrebbe chiesto all'equipaggio di mettere in mare le lance sottolineando le condizioni di "calma piatta" dell'acqua che, quindi, non avrebbe ostacolato le operazioni di salvataggio. Poi - parlando con la Capitaneria di Livorno - avrebbe chiesto di mandare mezzi di soccorso.