Como (TMNews) - Si fingeva un finanziere per estorcere denaro in cambio della promessa di evitare controlli fiscali, ma i suoi "colleghi" non l'hanno presa bene e lo hanno arrestato. E' successo a Como dove le Fiamme gialle hanno scoperto che "Mario Radaelli", questo il nome di fantasia inventato dal truffatore, si era finto militare della Guardia di finanza e aveva chiesto alla titolare di una pizzeria di Cadorago 100 euro, per regolarizzare tutti i documenti necessari per l'esercizio dell'attività di ristorazione, che, a suo dire, erano "carenti".Non solo, sempre a detta del sedicente finanziere, la donna era capitata in una vera e propria "black list" di controlli.La signora, dopo aver dato un acconto di 60 euro con la promessa che il resto sarebbe stato versata nei giorni successivi, si è insospettita e ha chiamato il 117, facendo scattare le indagini intorno al sedicente finanziere. A questo punto i militari della Gdf del Comando provinciale di Como si sono finti lavoratori dalla pizzeria e sono riusciti a cogliere sul fatto il finto collega, proprio mentre intascava la parte restante della somma richiesta. E a quel punto è scattato l'arresto.