Milano, (TMNews) - Sono scesi in piazza per urlare il nome di Chen Guangcheng, il dissidente cinese, cieco, scappato dalla sua abitazione dove si trovava agli arresti domiciliari lo scorso 22 aprile. Un gruppo di manifestanti ha protestato davanti all'Ufficio delle relazioni cinesi offrendo tutto il proprio sostegno all'avvocato che si batte da anni per la difesa dei diritti umani in Cina. Attualmente Chen sembra essere sotto la "protezione" americana, presso l'ambasciata degli Stati Uniti a Pechino. Proprio la protezione offerta dall'ambasciata statunitense ha fatto scoppiare una vera e propria crisi diplomatica con la Cina per risolvere la quale l'amministrazione Obama ha inviato a Pechino un suo emissario, Kurt Campbell. L'obiettivo è quello di riuscire trattare con la Cina per garantire la sicurezza al dissidente.