Cina, (TMNews) - Condannata alla pena di morte: è la sentenza emessa dal tribunale nei confronti di Gu Kailai, moglie dell'ex leader del partito comunista Bo Xilai, giudicata colpevole dell'omicidio dell'uomo d'affari britannico Neil Heywood. Una pena sospesa per due anni, che probabilmente sarà commutata nel carcere a vita, e conclude una vicenda giudiziaria legata a doppio filo con la politica cinese. La donna, avvocato di fama internazionale di 53 anni, è accusata di aver avvelenato Heywood perchè minacciava suo figlio: il britannico era stato a lungo in rapporti d'affari con il marito di Gu, Bo Xilai, ex segretario del Partito comunista cinese della municipalità autonoma di Chongqing, caduto in disgrazia nella primavera scorsa dopo un enorme scandalo che ha colpito il partito. Insieme a Gu Kailai sono stati condannati anche quattro dirigenti della polizia cinese, accusati di avere garantito protezione alla donna.