Catania (TMNews) - Con i primi caldi, complice il forte vento degli ultimi giorni, torna l'incubo incendi. Tra i primi a farne le spese è Catania dove, giovedì 18 maggio, un rogo ha letteralmente devastato il Boschetto della plaia, uno dei luoghi più belli della città; un'area ecologica protetta a nord-est delle spiagge catanesi. In fumo quasi sei ettari di terreno, lambiti anche un albergo e la scuola edile di Catania. Il racconto dei testimoni."Sono usciti fuori dalle camere tutti i clienti, per precauzione perché le fiamme stavano invadendo l'albergo. Abbiamo fatto uscire una quarantina di persone""Noi abbiamo fatto evacuare tutti i nostri ragazzi che abbiamo allontanato - spiega Giacomo Giuliano, direttore della scuola - poi, quando c'è stata la possibilità di rientrare siamo rientrati e abbiamo visto che le fiamme stavano andando verso la nostra struttura, nel fabbricato. Siamo interventi immediatamente e siamo riusciti a salvare una parte della nostra struttura che era stata presa dall fiamme, poi sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno domato l'incendio". Sul posto sono intervenute quattro squadre dei vigili del fuoco, da Catania, Acireale e Vizzini supportate da due elicotteri. Chiusa per un'ora, a scopo precauzionale, anche la pista dell'aeroporto di Fontanarossa. Non si esclude la matrice dolosa del rogo.