Milano, 15 giu. (TMNews) - Centinaia di perquisizioni in tutta Italia, milioni di file sequestrati, otto arresti e 109 personeindagate per divulgazione e detenzione diimmagini di pornografia minorile. E' la maxi operazione condotta dalla polizia postale di Catania in collaborazione con la polizia tedesca, coordinata dalla Procura Distrettuale di Catania, per contrastare la pornografia minorile su Internet.Il procuratore del capoluogo etneo Giovanni Salvi: "Il materiale che è stato sequestrato è enorme e quindi, si dovrà poi svolgere quel lavoro molto complesso e molto difficile che è volto all'identificazione dei minori, al fine di impedire che gli abusi continuino". Grazie all'indagine avviata nel 2010 con la collaborazione dell'Interpol si sono scoperti migliaia di accessi da parte di utenti in diversi Paesi del mondo che utilizzavano una rete per divulgare video dal contenuto pedopornografico, spiega il Procuratore aggiunto, Marisa Scavi: "Quasi sempre i server sono collocati in uno stato straniero, quindi occorre necessariamente la collaborazione degli organismi investigativi stranieri per verificare i soggetti italiani che hanno avuto accesso a quel determinato sito".