Milano, (TMNews) - "C'e grande preoccupazione per quanto riguarda le capacità di insediamento e di infiltrazione, ma anche di coinvolgimento di settori economici e politici" da parte della criminalitàorganizzata: così il procuratore capo di Torino, Giancarlo Caselli, a Torino commenta le analogie tra l'indagine milanese che ha portato all'arresto dell'assessore Domenico Zambetti e l'operazione Minotauro sull'infiltrazione dell'ndrangheta in Piemonte. "L'indagine milanese ha accertato una penetrazione più articolata, più profonda e più pericolosa per quanto riguarda le istituzioni, di quanto non sia accaduto a noi" ha osservato Caselli.