Montreal, (Tmnews) - Hanno sfilato nudi e, solo alcuni, in mutande. Più di tremila giovani hanno manifestato a Montreal per protestare contro il Gran premio di Formula 1 del 10 giugno. La polizia, in versione anti-sommossa, non è intervenuta ma ha bloccato i manifestanti prima del loro arrivo nel quartiere dove sono stati allestiti gli stand e le strutture che ospitano il Gran Premio. "Tutti in strada", questo lo slogan con cui hanno marciato studenti protestando anche contro le elevate tasse del sistema scolastico. "Il nostro essere nudi esprime la richiesta di trasparenza", afferma uno studente , con indosso solamente uno paio di slip. Il 7 giugno, il presidente del circuito del Gp1 ha annunciato lo stop alla giornata a porte aperte per le prove libere e le altre gare di contorno per evitare rischi di disordini. Ma in pista scendono questa volta anche gli hacker di Anonymous, che hanno già creato non pochi grattacapi durante il problematico Gp del Bahrein, e che ora promettono di seminare il caos sui server del Gran Premio canadese.