Roma (TMNews) - "Ero fiducioso che ci sarebbe stato un ottimo risultato anche perché le stesse componenti che non avevano fatto la designazione avevano manifestato la volontà di sostenere la candidatura".Un vero e proprio plebiscito ha sancito al rielezione di Giancarlo Abete alla presidenza della Figc, la Federazione Italiana Giuoco Calcio ovvero l'organismo che organizza e gestisce il gioco del calcio in Italia. Unico candidato, ha ottenuto il 94,34% dei voti al primo scrutinio: 256 su 288 aventi diritto."Sarà un qadriennio difficile - ha continuato Abete - Cerchiamo di fare il massimo con le due riflessioni che ho provato a trasferire in occasione della relazione. Da una parte la forte consapevolezza delle criticità del nostro calcio, soprattutto dal punto di vista dei comportamenti che sono intervenuti e che sono inaccettabili: violenza, scommesse, discriminazione razziale e dall'altra, però, anche la rivendicazione, con orgoglio, del fatto che stiamo parlando di una realtà, il calcio, in cui si concentrano tutte le negatività del paese".Giancarlo Abete, 62 anni, romano di origini campane, fratello di Luigi ex presidente di Confindustria, è sposato e ha due figlie. Laureato in Economia e commercio alla Sapienza di Roma, ricopre la carica di presidente federale dal 2 aprile 2007, guiderà la federazione anche per i prossimi quattro anni.