Brindisi, (TMNews) - "Io non ho paura": con questo slogan migliaia di persone, soprattutto studenti, sono scese in piazza a Brindisi per una manifestazione nazionale a una settimana dalla morte di Melissa, uccisa da un'esplosione davanti alla scuola Morvillo Falcone. Un corteo promosso da varie organizzazioni studentesche con l'appoggio di Libera, Rete della Conoscenza, Arci e Cgil, per rispondere alla violenza e rivendicare il diritto a non avere paura. Gli studenti hanno impugnato striscioni e cartelli durante il percorso che è partito da un piazzale vicino alla scuola, si è snodato lungo via Roma e concluso nella centrale piazza Vittoria. Molti hanno colorato i palmi delle mani e i volti di verde, giallo, rosso e altri colori per simboleggiare la forza della creatività e della fantasia che si oppone alla cultura della violenza e dell'illegalità.Al corteo, oltre agli studenti di Brindisi, c'erano ragazzi arrivati da altre città pugliesi e con i pullman dalla Campania e dal Molise, insieme a tanti genitori e bambini. Tanti anche gli operai dell'area industriale di Brindisi e in particolare del petrolchimico e delle centrali elettriche.