Brindisi, (TMNews) - Importavano la cocaina dall'Albania e la spacciavano nella provincia di Brindisi ma oltre al traffico di droga gestivano anche il flusso di armi dirette a gruppi criminali operanti nel sud Italia. La Guardia di Finanza di Brindisi ha smantellato una organizzazione criminale italo-albanese di narcotrafficanti. I militari hanno eseguito 15 ordinanze di custodia cautelare e sequestrati beni per un valore complessivo di 250mila euro.Durante le perquisizioni, compiute mentre venivano eseguiti gli arresti, sono stati sequestrati oltre 700 grammi di cocaina. La droga - secondo gli investigatori - veniva spacciata preferibilmente nei pressi di locali notturni e discoteche del Salento.A capo dell'organizzazione c'erano erano 2 giovani fratelli dinazionalità albanese da tempo residenti a Mesagne, nel brindisino, e la loro madre che si rifornivano di droga da un'altra banda di albanesi operante su Roma.