Budapest, (TMNews) - Ogni anno almeno 80.000 cittadini dell'Europa occidentale prendono la valigia e vanno in Ungheria, non per apprezzare le bellezze di Budapest per una nuova forma di turismo quello dentale. Per impianti, dentiere e ponti si paga in media il 60 per cento in meno rispetto alle tariffe italiane. Per questo in tanti scelgono la via dell'est."Noi facciamo parte dell'Unione Europea e per questo rispettiamo gli standard qualitativi imposti da Bruxelles. La qualità è garantita come in qualsiasi altro paese dell'Unione" spiega un medico ungherese.Nel paese ci sono circa 600 cliniche dentistiche che fanno un fatturato complessivo di oltre 250 milioni di euro, su Internet si possono facilmente trovare pacchetti low cost e all inclusive che offrono volo, vitto, alloggio e dentista."Circa il 90% dei clienti prenota attraverso internet, ma anche il passa parola ha fatto tanto" spiega il responsabile dell'ufficio del turismo dentale ungherese.In Ungheria la vita costa meno che nei paesi occidentali e anche le cure odontoiatriche riflettono questa differenza così come accade anche in Romania, Slovenia e Croazia anche queste mete ambitissime per chi cerca il risparmio a cominciare dalla bocca.(immagini AFP)