La Paz (TMNews) - Una lunga marcia di protesta attraverso la Bolivia per arrivare a manifestare a La Paz: una cinquantina di disabili boliviani ha finalmente raggiunto la capitale ma qui sono scoppiati violenti scontri con la polizia, che non ha esitato a usare le maniere forti, anche contro persone in carrozzina. "Mi sento veramente oltraggiato - spiega un rappresentante dei disabili - qui si tratta dei nostri diritti umani, non può esistere tanto odio. Noi non siamo uguali alle altre persone?"Gli scontri sono scoppiati quando la polizia ha impedito ai disabili di entrare nel palazzo del governo per consegnare una petizione nella quale si chiedevano più sussidi. "Ci hanno sparato con i gas tre volte - racconta una ragazza - ci hanno caricato, non è giusto"Il governo parla di infiltrazioni violente nel corte dei disabili, come ha spiegato il ministro della Comunicazione Amanda Dàvila. "Sono state arrestate tre persone, nessuna di loro è un disabile e fanno parte di un gruppo che si è unito alla marcia con l'intento deliberato di creare disordini e violenza". Dopo gli scontri, sul campo sono rimasti decine di feriti.