Bari (TMNews) - Avrebbero potuto fruttare circa 2 milioni di euro e, visto il periodo di contingenze, c'è da giurare che i contrabbandieri non avrebbero avuto grosse difficoltà a venderli sul mercato nero. Si tratta di oltre 8mila chili di sigarette di contrabbando, scoperti dalla Guardia di Finanza di Bari - in collaborazione con gli uomini del locale ufficio dogana - all'interno di alcune boe galleggianti per pontili, trasportate da un Tir proveniente dalla Grecia e appena sbarcato da una motonave nel porto del capoluogo pugliese. L'autista del mezzo, un cittadino greco di 32 anni, è stato arrestato e denunciato per contrabbando internazionale di tabacchi. Nei soli primi due mesi dell'anno le Fiamme gialle hanno sequestrato, nel porto di Bari, 14 tonnellate di tabacchi di contrabbando.