Roma, (TMNews) - Uno dei siti archeologici più antichi al mondo rischia di scomparire. Mahasthangarh, nel nord del Bangladesh, cela i resti della più antica città fortificata del Paese, Pundranagar. Il sito, che risale a circa 2.500 anni fa, fu scoperto solo nel 1931 e al suo interno custodisce le rovine di molti edifici religiosi, buddisti, induisti e musulmani.Nel tempo la costruzione di nuove abitazioni e i continui saccheggi di pietre storiche da parte degli abitanti hanno messo seriamente a rischio la sopravvivenza di questo sito. Per salvare il quale non si è fatto attendere l'appello del Fondo del Patrimonio Mondiale dell'Unesco, che ha per scopo proprio quello di preservare i tesori archeologici.Abdus Sattar ammette di aver saccheggiato l'antico insediamento per costruire la propria casa. E come lui molti altri."Ho scavato nel terreno, ho trovato queste pietre e le ho utilizzate per costruire la mia nuova casa", dice Abdus.L'antico sito archeologico, così come le rovine della città fortificata, rappresentano oggi una attrazione turistica importante.Immagini: Afp