Frosinone (TMNews) - Arrivava regolarmente al lavoro, ma solo per strisciare il badge nei dispositivi di rilevazione elettronica delle presenze, poi si dava alla macchia, per fare il suo secondo lavoro in nero.Il dipendente assenteista era assunto al Comune di Pontecorvo, in provincia di Frosinone, ma si allontanava spesso e senza giustificazioni dal luogo di lavoro per esercitare l'attività di meccanico in una officina di un noto marchio di auto. I finanzieri hanno scoperto che l'officina era formalmente intestata al padre dell'indagato, risulta gestita autonomamente proprio dal dipendente comunale fannullone anche se egli non risulta rivestire cariche ne' avere alcun rapporto di lavoro nell'ambito dell'attività.Il dipendente comunale è stato denunciato per truffa aggravata ai danni dello Stato, reato punito con la reclusione fino a cinque anni.