Islamabad, (TMNews) - Viene portato via con una benda sugli occhi per nasconderne il volto Hafiz Mohammed Khalid Chishti, l'imam pachistano grande accusatore di Rimsha, la bambina cristiana con problemi mentali in carcere per blasfemia. Fu lui a denunciarla alle autorità di Islamabad, dopo la testimonianza di un vicino di casa della bambina che sosteneva di averla vista mentre bruciava dei fogli con scritto dei versi del Corano. E invece ora gli inquirenti hanno ribaltato la situazione: secondo testimoni è stato l'imam a inserire pagine del corano fra i fogli bruciati per aizzare la popolazione contro la comunità cristiana.Per l'avvocato dell'accusa invece le autorità hanno interferito con la giustizia."Non c'era alcuna pecca nelle indagini - dice - sono state portate avanti in modo completo. Ora invece vogliono rovinare il caso per far rilasciare Rimsha".Intanto la bambina è ancora in carcere in attesa dell'udienza per il rilascio su cauzione prevista per il 4 settembre.(Immagini Afp)