Palermo, (TMNews) - La latitanza di Salvatore Bonomolo è finita. Il boss mafioso legato alla famiglia di Palermo centro è stato arrestato a Portamar in Venezuela. Bonomolo era ricercato dal 2007 e su di lui pendono le accuse di associazione mafiosa ed estorsione. A catturare il boss, sorpreso lo scorso 24 agosto in un centro commerciale dell'isola di Margarita, sono stati gli agenti della Sezione Catturandi della Questura di Palermo, del Servizio centrale operativo della Polizia e dell'Interpol, con i quali ha collaborato anche la polizia venezuelana. Il procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia spiega l'asse che collega la mafia al Sudamerica. "Il canale di collegamento tra la mafia siciliana e tutte le mafie italiane con il sud america non è un canale che si è aperto oggi e non si è neanche chiuso. Rimane aperto sia per gli affari illeciti che si fanno congiuntamente sia perchè spesso costituisce il rifugio dei ricercati in italia".Il questore di Palermo, Nicola Zito, ha sottolineato che con la cattura di Bonomolo "si restringe l'operatività internazionale di Cosa Nostra".