Castellammare, (TMNews) - "Mi sto impegnando al massimo per dare rappresentanza ai nostri valori, ideali e programmi e credo che in questo momento si possa constatare una grande unità del nostro partito". Dallo scorso primo luglio, quando è stato eletto segretario del Pdl, Angelino Alfano si sta impegnando al massimo per svolgere il suo ruolo: è lui stesso a dirlo a Castellammare di Stabia, dove ha presentato il suo libro "La mafia uccide d'estate. Cosa significa fare il ministro della giustizia in Italia". È l'occasione per parlare dei temi della politica: tra questi il sostegno al governo Monti che è costato al Pdl la fine dell'alleanza con la Lega. "Noi abbiamo pagato un dazio molto salato alla nascita di questo governo, mentre a sinistra la coalizione è rimasta unita".Una battuta il segretario la riserva al dibattito interno al Pd, dopo le primarie di Palermo: nessuna intromissione. "Imnmaginiamoci se spetta al segretario di un partito chiedere le dimissioni dell'altro. Bersani è stato eletto con le regole del Pd e quelle vincono".Per quanto la Tav, Alfano sostiene il governo: deve andare avanti in Val di Susa. "Crediamo che sia sbagliata la posizione di chi, con un no assoluto ed estremista, vuole impedire il realizzarsi di decisioni assunte attraverso percorsi legali e procedure democratiche".L'infrastruttura, dice Alfano, è necessaria per la competitività dell'Italia e una qualità della vita migliore per gli italiani.