Tirana (TMNews) - Sessantadue piantagioni segrete di sostanze stupefacenti individuate in Albania grazie all'impiego di un aereo della Guardia di Finanza italiana. In forza di un protocollo operativo tra Direzione centrale della polizia criminale italiana e le autorità albanesi, dal 4 al 21 luglio, il comando delle forze aeronavali delle Fiamme Gialle ha rischierato sull'aeroporto di Tirana un proprio bimotore, equipaggiato con speciali sensori gestiti in collaborazione con la Facoltà di Architettura della Seconda Università di Napoli. Nel corso delle missioni di monitoraggio, gli equipaggi delle Fiamme gialle, grazie all'osservazione diretta del territorio e l'analisi dei dati radiometrici, hanno individuato i terreni adibiti a piantagioni di cannabis, spesso occultati tra la folta vegetazione della zona montagnosa interna, consentendo in tal modo alle forze speciali albanesi di intervenire per la loro distruzione e l'individuazione, con relativo arresto, dei responsabili.