Kabul, (TMNews) - I campi alle porte di Kabul sono punteggiati da tendopoli. Qui si sono rifugiati molti afgani, in fuga da zone troppo pericolose e che ora si sono ritrovati a combattere una battaglia altrettanto dura: quella contro uno degli inverni più rigidi di sempre in Afghanistan."Loro possono avere tende di plastica o altri materiali, non ci sono case - spiega Babar Baloch, che si occupa dei rifugiati per le Nazioni Unite - Sono davvero poveri, per loro vivere è una sfida quotidiana, non è facile sopravvivere a questo freddo". Le prime vittime del gelo sono i bambini: secondo l'Onu ne sarebbero morti 24 solo nelle ultime settimane.