Roma, (TMNews) - Mont Saint Michel, l'isolotto della Normandia noto per l'eccezionale ampiezza delle maree, diventa il Monte della discordia. Perchè da tre mesi ormai il parcheggio ai piedi dell'isola è stato chiuso e i turisti devono percorrere chilometri e chilometri a piedi per raggiungere il luogo che ospita una delle più belle abbazie benedettine al mondo.I turisti sono inferociti: occorre infatti lasciare l'auto in un parcheggio spendendendo 8 euro e 50 al giorno. Poi ci sono 800 metri da percorrere in salita per raggiungere una navetta. E non è finita: occorrono ancora 400 metri per arrivare alla meta finale. Insomma, in totale quasi 2 chilometri e mezzo tra andata e ritorno, oltre al bus-navetta."E' l'ultima volta che verrò - dice questa donna - non verrò più, è troppo lontano. Per raggiungere la navetta bisogna camminare troppo, è davvero troppo lontano".Un disagio che si ripercuote anche sul commercio. I visitatori, infatti, sono diminuiti. Qualche mese fa questo ristorante, a mezzogiorno, era già pieno. Ora è quasi deserto."L'affluenza è diminuita del 20%, soprattutto la sera, e abbiamo l'impressione di essere un parco d'attrazione. Già alle 18 la gente va via e non resta nessuno sull'isola", dice il proprietario del ristorante.Immagini: Afp