Reggio Calabria (TMNews) - Un vero tesoro è stato sottratto alla cosca di 'ndrangheta Longo, operante nel territorio di Polistena. La Polizia anticrimine della Questura di Reggio Calabria ha sequestrato beni per 10 milioni di euro, tra cui numerose società, aziende, appartamenti e terreni. Il questore Carmelo Casabona ha ricordato l'importanza dell'attività di aggressione ai patrimoni dei malavitosi unita agli arresti."Sappiamo che la criminalità organizzata calabrese mira principalmente ad arricchirsi. Per questo il nostro impegno si svolge su due fronti: l'attività investigativa che porta agli arresti e il sequestro di beni".Casabona ha ricostruito la rete fittissima di interessi che il clan Longo era riuscito a costruirsi prevalentemente nel settore immobiliare fino anche ad ottenere l'appalto per la realizzazione del polo scolastico "Renda" di Polistena.